SSX recensione

Per tutti gli amanti di uno sport estremo come lo Snowboard, la nuova creatura di EA Sports sicuramente farà storcere qualche naso. Voli folli, salti estremi con cadite inverosimi sono all’ordine dei… secondi. Proprio così “secondi” dato che SSX non si risparmia mai e, per tutta la durata della discesa, è più difficile non fare nulla che non eseguire trick, giravolte, salti e tutto il repertorio che un professionista ci impiega anni a eseguire correttamente. Ma forse è priprio questo quello che vogliamo no? Un gioco spericolato immediato e divertente, più arcade che una simulazione sportiva classica, che lascia poco spazio a tecnicismi e, se vogliamo fare veramente i pro, forse è meglio prendere una vera tavola.

TRAMA? E GAMEPLAY

Finito il tutorial in cui possiamo provare le prima ebrezza da volo libero e esecuzione dei trick/combo, possiamo buttarci a capofitto nell’esecuzione della sboroneria virtuale per eccellenza. SSX ci lancia con un menù di gioco davvero sensazionale, che ci permette di scegliere fra quattro tipologie di gioco: abbiamo la semplice gara che conosciamo tutti e che ci permette di provare liberamente le piste per memorizzare i percorsi di modo da arrivare sempre primi sul podio. Possiamo scegliere di giocare con la tipologia del Trick, dove si deve ottenere un punteggio sempre maggiore facendo acrobazie folli. La modalità Sopravvivenza, che richiede al giocatore di arrivare alla fine di una pista senza “ammazzarsi”, con l’aggiunta di una slavina che diventa man mano sempre più immensa. Adrenalina allo stato puro! Se avete delle buone casse, il boato che la valanga produce è un qualcosa di angosciante. Per ultimo, last but not least, abbiamo il Tour Mondiale, che ci butta in ben 153 prove specifiche da superare, per diventare lo snowboarder numero uno al mondo.

Il design delle piste è assolutamente perfetto e offre una grande quantità di salti, svincoli alternativi, rampe, tubi, tronchi, elicotteri, discese della morte o crepacci da sorvolare con la tavola, mentre si eseguono le combo e mentre si rimane letteralmente a bocca aperta. Fra l’altro, sappiate che le piste che giocherete sono state realizzate grazie a delle mappe topografiche prestate a EA dalla stessa NASA…

Se ciò non bastasse, nel gioco cambierà l’ambiente in base al giorno e la notte e varieranno anche le condizioni climatiche: immaginatevi dunque di iniziare una pista con un bel sole e di ritrovarvi nel bel mezzo di una tempesta di neve con visibilità pari a zero. Il gioco comunque non richiede una grande manualità nelle discese: non si tratta di un gioco tecnico ma è sempre puntato ad un’utenza arcade. In breve si possono tentare dei Trick davvero estremi, per poi atterrare sempre e comunque alla bella, anche se capiterà di sfracellarsi contro le rocce se il trick è troppo esagerato.

Fra le cose che non devono mai mancare in un videogioco moderno, troviamo la parte dedicata alla crescita del personaggio e, anche in questo caso, SSX ne offre di cotte e di crude. Si possono comprare varie tavole da Snowboard e sceglierne il colore o i disegni, così come si potrà personalizzare il personaggio, scegliendo fra le varie tute oppure vari oggetti in-game come scarponi, occhiali ecc. Tradotto: è la tamarizzazione del nostro alterego snowbordista che, ai fini pratici, non cambia molto a livello di gamplay, ma solo a livello estetico. Se non volete perdere troppo tempo a customizzare il personaggio virtuale, esiste un’opzione capace di selezionare l’attrezzatura giusta per ogni discesa…

ENGINE Il motore che muove SSX è buono, ma non ottimo. Alcune volte, tende a mostrare il fianco in situazioni complesse, con anche un calo di frame rate che ogni tanto si fa notare e mina leggermente quella bella sensazione di velocità estrema. Tutte le piste sembrano ben realizzate, anche per quanto riguarda le texture che si fanno ammirare più che dignitosamente, anche se è facile intravedere alcuni “trucchi”, ed esempio l’uso nebbia, per nascondere qualche texture non proprio ottimizzata.

Buone anche le animazioni dei salti, dei Trick e delle cadute. Le inquadrature della telecamera sono quasi perfette, benché in più di una occasione, ci è capitato che quest’ultima impazzisse e perdesse di vista il PG, ma capita davvero di rado. Presente qualche compenetrazione di poligoni o pezzi di schemi che compaiono e scompaiono in lontananza, ma di solito si ha una visione molto ristretta della scena e questi errori grafici risultano sporadici e non di rilievo.

SSX è poi accompagnato dai soliti pezzi surf o rockeggianti, che stanno bene con questo tipo di giochi, ma alla fine la parte sonora non brilla così tanto.

Nota dolente per quanto riguarda l’IA piatta e scontata, con gli avversari controllati dal computer che sembrano li solo per contorno e non presentano una vera sfida. Considerando la possibilità di riavvolgere i salti più disperati (che porterebbero a morte sicura), la difficoltà del gioco si abbassa vertiginosamente. Perdere una gara sarà principalmente per colpa nostra e mai perché si trova un avversario “forte”.

MULTIPLAYER

Il multiplayer non è diretto, canonico, con matchmaking, lobby e caratteristiche che siamo abituati a trovare solitamente. Il sistema è strutturato con degli eventi a scadenza che possono essere organizzati da EA e aperti a tutti, con classifiche stilate su base mondiale, oppure eventi creati dagli stessi utenti come partite aperte o chiuse, in modo da poter ricreare, volendo, il classico multiplayer tra amici.

SSX Online non è gestito a scontro diretto all’interno della discesa: la battaglia viene effettuata a suon di punteggio e tempo al termine di ogni sessione, con la possibilità di vedere alcuni “fantasmi” che lasciano le tracce delle performance altrui. Questo fa un po’ mancare la sensazione di sfida tipica del multiplayer classico, ma in compenso si assiste in questo modo, ad una continua attività in background che ci tiene costantemente connessi con il mondo, avendo sempre la possibilità di entrare in una partita in corso, stabilire un tempo o un punteggio e vedere in seguito, alla conclusione dell’evento, la ricompensa per le nostre performance, come in una sorta di MMO con mondo online persistente.

CONCLUSIONE

SSX è un bel gioco che sa divertire. Non fa gridare al miracolo e non sarà il gioco di Snowboard definitivo, ma gli si avvicina molto e, a conti fatti, il lavoro fatto è interessante sotto diversi punti di vista.

Ha molti pregi e la sensazione che viene trasmessa pad alla mano, è veramente d’impatto. Alla lunga potrebbe stancare visto che le modalità di gioco non sono tantissime ma, per essere uno gioco basato su di un’unica “disciplina”, è veramente completo. Consigliatissimo a chi ama la velocità e a chi attendeva con ansia un nuovo titolo sullo snowboard.

Pregi

Ottima realizzazione tecnica Divertente e immediato Buon sistema di controllo

Difetti

Mooolto Arcade Multiplayer poco diretto e coinvolgente Prodotto settoriale

Voto

8
Fonte:gamempire

Informazioni su davidedezan

alto,esperto di pc e simpatico!

Pubblicato il 7 marzo 2012, in giochi, News, ps3, recensioni, sony con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Anche io avevo notato tanto tempo fa questo gioco…appena esce,se il mio pc me lo permette,vedrò di provarlo!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: