The Last Of Us: Sotto i riflettori la prima sessione di gameplay!

Tutto comincia subito dopo la sequenza rivelata ieri dell’assalto al camion . Tra i fumi del camion distrutto, Ellie rassicura Joel che sta bene, mentre lo sportello del passeggero si spalanca. Nell’oscurità qualcuno assale la piccola ragazza, strattonandola, spingendola e tentando di trascinarla fuori dall’autovettura. Ellie si dimena e urla, Joel cerca di aiutarla ma nel frattempo un altro predone apre lo sportello del guidatore e cerca di tirarlo a se. Combattono furiosamente attraverso il finestrino, mentre la testa di Joel viene circoscritta da una bizzarra e improvvisata arma arrugginita dalla forma triangolare. La telecamera stringe il campo e sullo schermo appare un quick time event in salsa “button mashing”, che ci costringerà a spingere furiosamente quadrato. E’ un classico dei  Naughty Dog questo, di quelli che abbiamo imparato apprezzare già con la saga di Uncharted. Premendo furiosamente il tasto sul pad della PS3, Joel comincerà ad alzare pian piano la testa, offrendo resistenza, proprio come il buon “vecchio” Nathan.Ma negli ultimi istanti della lotta, Joel tenta di guardare in faccia il suo assalitore da sopra la spalla destra, e un velo di rabbia e disperazione appare sui suoi occhi. Joel si libera, prende per la testa il suo nemico, e gli schianta il volto contro il vetro della macchina. Centra proprio il suo pomo d’Adamo, e uno schizzo impetuoso di sangue color cremisi fuoriesci dal suo collo, con il predone che piano piano si accascia per terra, la vita che gli scivola via abbandonandolo.Dopo questa involontaria tracheotomia, Joels spara a un paio di cattivoni, sbatta la faccia di un altra nell’angolo di un muro, e con un arma improvvisata trapassa il cranio dell’ultimo degli ostili. Tutto questo avviene tra parolacce (a fiumi) e sangue (idem). L’azione vanta la stessa fluidità con cui Naughty Dog ci ha abituato nel corso di questa generazione. Joel e Ellie passeranno poi altri dieci minuti in qualche sezioni stealth per uscire dai casini nei quali si sono cacciati (loro malgrado), e uccidendo i loro assalitori quando necessario… Ma non c’è nulla d’ironico o “leggero” come nella saga di Drake. Tutto è triste, malinconico e dannatamente viscerale…

image

Informazioni su davidedezan

alto,esperto di pc e simpatico!

Pubblicato il 18 maggio 2012, in giochi, News, ps3, sony con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: