Transformers: La Caduta di Cybertron Recensione

La Caduta di Cybertron segna il ritorno sui nostri schermi dei Transformers, i popolari robottoni trasformabili inventati in Usa ed approdati in Italia negli anni ’80. Robottoni che negli ultimi anni stanno vivendo una seconda giovinezza, soprattutto grazie alla serie di kolossal realizzati ad Hollywood e anche a un paio di videogiochi che – soprattutto con il primo, La Battaglia per Cybertron – hanno saputo battere la diffidenza e conquistare una nutrita schiera di fans. Ora i ragazzi di High Moon Studios e di Activision ci riprovano con il terzo capitolo della serie, sicuramente migliore di quello che l’ha preceduto e capace di riempire le nostre giornate in un periodo come quello di fine estate, tradizionalmente avaro di grandi titoli.

LA TRAMA
Ovviamente in un gioco come questo, tutto incentrato sulla spettacolarità dei robot e sulle peculiarità offerte dalle loro caratteristiche, la trama assume un’importanza minore. Non per questo si può dire che gli sceneggiatori non si siano impegnati, regalandoci comunque un intreccio ricco di colpi di scena e di momenti emozionanti.
Cercando come al solito di non svelare troppo per non guastarvi la sorpresa, possiamo dirvi che il gioco racconta gli ultimi giorni di vita del pianeta natale dei Transformers, devastato dalla guerra tra Autobot e Decepticon. Optimus Prime è intenzionato a guidare i suoi verso un “esodo” lontano dall’ormai spacciato Cybertron ma i Decepticon vogliono sfruttare il momento per sferrare l’attacco finale e non lasciano loro tregua. Il primo livello, che funge anche da tutorial, ci porta quindi nel vivo dello scontro finale a bordo dell’astronave che sta lasciando il pianeta ma subito dopo, nel secondo livello, torniamo indietro di alcuni giorni per rivivere gli avvenimenti che ci hanno portato fino a questo punto. E lo faremo su entrambi i fronti, visto che il gioco ci porterà ad impersonare robot di ambo le fazioni, ognuno con le sue caratteristiche e con la sua storia da raccontare…

IL GAMEPLAY
La Caduta di Cybetron è uno sparatutto in terza persona ma, a differenza di altri giochi di questo tipo, è caratterizzato da un gameplay molto vario. Infatti, il fatto di impersonare robot diversi significa anche che dovremo sfruttare al meglio le loro caratteristiche, variando l’approccio alla battaglia. Ad esempio, Cliffjumper presenta caratteristiche tali da preferire un metodo stealth mentre Jazz, dotato di rampino, si esibirà in un livello molto “verticale”, con salti da un appiglio all’altro. Senza contare che, ovviamente, tutti godono della possibilità di trasformarsi, elemento che inserisce ancora più varietà visto che non tutti si tramutano in “quattro ruote” ma, ad esempio, il Decepticon Vortex può diventare un elicottero.
Detto questo, resta il fatto che siamo di fronte ad uno sparatutto e quindi la nostra attività principale sarà sempre una: sparare a tutto quello che si muove, lungo un percorso sostanzialmente predefinito. La caratteristica più apprezzabile è quella del ritmo: sparatorie e scontri si susseguono senza soluzione di continuità e “a viso aperto”. Infatti avrete la possibilità di sfruttare gli elementi ambientali per ripararvi ma non si tratta delle vere e proprie coperture alle quali ormai ci ha abituato questo tipo di giochi. E così alla fine vi troverete quasi sempre ad avanzare armi in pugno per eliminare i nemici e conquistare terreno, sfruttando il buon sistema di mira e la grande fluidità.
Ovviamente grande attenzione è stata riposta nella realizzazione dell’arsenale. Nel corso della storia potrete utilizzare un gran numero e varietà di armi: mitragliatrici, fucili a corto e lungo raggio, pistole… Avrete solo l’imbarazzo della scelta nel decidere come affrontare gli avversari. In più ogni arma è potenziabile spendendo i punti esperienza accumulati nel corso dell’avventura, permettendovi di personalizzare ulteriormente il gioco.

IL MULTIPLAYER
Il multiplayer online della Caduta di Cybertron è tecnicamente ben realizzato e privo di difetti ma anche di slanci di originalità. C’è tutto quello che ci si può immaginare da un titolo del genere ma nessuna innovazione. Non che questo sia un male ma sicuramente sussiste il rischio, per gli appassionati del genere, di ritrovarsi di fronte a una sorta di deja-vu. E quindi ecco le quattro classi tra cui scegliere e la possibilità di trasformarsi in auto, anche se le dimensioni delle mappe rendono questa possibilità non molto utile. Non mancano ovviamente le varie classiche modalità, tra cui la Escalation che altro non è che la classica Orda inventata da Gears of War e adottata ormai da tutti i giochi del genere, utile comunque ad accrescere la longevità del titolo (la campagna vi impegnerà per circa 8-10 ore).
Decisamente più interessante è la possibilità di personalizzazione del proprio robot, al quale potrete cambiare praticamente tutto, dalla testa alle gambe, sbloccando gli elementi grazie all’esperienza e alle vittorie accumulate nelle partite online. Se da bambini sognavate di potervi fare il vostro transformer personale questa è la vostra occasione!

IL COMPARTO TECNICO
La Caduta di Cybertron non delude le attese. La cura per i dettagli profusa da High Moon è evidente soprattutto dal punto di vista grafico. Ovviamente a beneficiarne sono soprattutto i robot, veri protagonisti del gioco realizzati ottimamente sia nelle normali azioni di gioco che nelle spettacolari trasformazioni, veloci, fluide e ben congegnate. Notevole anche l’impatto grafico delle ambientazioni e delle animazioni. Unica pecca è qualche caricamento qua e là che obbliga ad inaspettati stop di pochissimi secondi, brevi ma comunque fastidiosi.
Buono anche il comparto audio, con musiche ed effetti speciali che accompagnano al meglio l’azione. Peccato per l’assenza del doppiaggio in italiano, anche se i sottotitoli sopperiscono al meglio.

Transformers: La Caduta di Cybertron è un gioco prodotto da Activision per Ps3, Xbox360 e Pc. La versione utilizzata per la recensione è quella per Ps3.

I VOTI
Giocabilità 9
Longevità 8,5
Multiplayer 8,5
Grafica 9
Sonoro 8
Totale 8,5

Informazioni su davidedezan

alto,esperto di pc e simpatico!

Pubblicato il 4 settembre 2012, in giochi, News, ps3, recensioni, sony con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: